Eccoci giunti alla fine di questo anno scolastico 2019-2020. Un anno sicuramente straordinario e speciale costruito, giorno per giorno, non solo orientato all’l’attuazione delle programmazioni didattiche ed educative, ma abitato da momenti “inediti” fuori da ogni schema e previsione. Abbiamo vissuto infatti, l’imprevisto. Non siamo ancora del tutto fuori, Il “virus”, anche se lentamente, continua a minacciare l’umanità mettendo a dura prova chi è contagiato e vive nella sofferenza. In un primo momento questa situazione un po’ ci ha disorientati, confusi, ma poi il desiderio, la sicurezza di farcela ripetendo sovente “andrà tutto bene “, hanno messo le ali alla fantasia, alle nostre capacità intellettive e relazionali e siamo riusciti a vivere con serenità la nuova didattica a distanza riscuotendo “grande successo” sia negli alunni che nei docenti. L’impegno e l’interesse sono stati notevoli anche da parte dei genitori che, con dedizione, hanno contribuito al comune ideale “la formazione integrale dei ragazzi”. A conclusione di questo “particolare” anno scolastico tutti i docenti delle classi hanno organizzato un momento di “festa virtuale” che ha permesso di vivere con gioia gli ultimi incontri online. Le classi uscenti: Scuola dell’infanzia, le classi V e la III media hanno realizzato un saluto “in presenza” con canti, saluti e messaggi significativi di ringraziamento alle insegnanti e a tutti gli operatori e collaboratori della scuola. Simpaticissima è stata l’iniziativa dei docenti della Terza media che hanno realizzato un “video-ricordo” con i momenti più belli della vita scolastica del gruppo classe. Originale e nuovo è stata anche la modalità di salutare ciascun alunno mettendo inevidenza i tratti più significativi del loro percorso di studi, di relazioni e di maturazione, espresso con una frase di “scrittori famosi” che è stato anche un messaggio per il futuro scolastico e di vita. La preside, come di consueto, non ha fatto mancare l’espressione del suo affetto agli alunni di tutte le classi offrendo la sua parola di gratificazione di stima e di incoraggiamento per il futuro: “Questa Scuola vi ha accompagnati per diversi anni. Molti di voi l’hanno frequentata per otto, cinque anni, tre anni; vi abbiamo visti crescere, progredire, divenire grandi, affrontare difficoltà ed anche gestire la situazione epidemiologica di quest’ultimo anno. Un poeta latino diceva: “Per aspra ad astra” che, tradotto in italiano significa: “attraverso le cose difficili si raggiungono gli astri”.

E’ la traduzione letterale, ma questa citazione dice a voi oggi: non abbiate paura di affrontare momenti difficili, che non mancheranno mai nella vita; saranno essi che vi saranno raggiungere ciò che desiderate nel più profondo di voi stessi. E allora, cari ragazzi: siate certi, sarete sempre nel cuore di ciascuno di noi, perché vi vogliamo bene. Le porte della Scuola di Regina Coeli resteranno aperte per voi ogni volta che sentite il bisogno di ritornare.

  • 0
  • 010101
  • 01m01m01m
  • 02m02m02m
  • 03m03m03m
  • 040404
  • 04m04m04m
  • 050505
  • 060606
  • 06m06m06m
  • 070707
  • 07m07m07m
  • 080808
  • 08m08m08m
  • 090909
  • 09m09m09m
  • 0_20_20_2
  • IMG_20200622_172011IMG_20200622_172011IMG_20200622_172011
  • IMG_20200623_172316IMG_20200623_172316IMG_20200623_172316
  • IMG_20200623_172329IMG_20200623_172329IMG_20200623_172329